Most played | Giugno 2015

Most played significa i prodotti beauty (+ 1 extra) che abbiamo più usato e sfruttato questo mese  il che non vuol dire solo quelli che abbiamo amato ma anche quelli che stiamo scoprendo, quelli che  abbiamo tentato (talvolta senza successo) di farci piacere, quelli che abbiamo cercato di terminare al più presto e ancora quelli che d’ora in poi non vogliamo più abbandonare.

Se volete conoscere il resto del team, fate riferimento alla creatrice del TAG ovvero miss GoldenVi0let.

MOST PLAYED SIMO

Vorrei unirmi al coro delle blogger che “no, con questo caldo non mi trucco”, ma devo ammettere che l’assenza di makeup in questo mio most played è dovuta solo e soltanto alla pigrizia. E non c’entra nulla con il caldo. E’ tempo di assumermi qualche responsabilità 😉

20150629_101627

Anche questo mese la mia ossessione con i capelli continua e allo stesso modo continua la mia ossessione per il Balsamo Volumizzante Protettivo di Biofficina Toscana. Nonostante abbia acquistato una nuova boccettina di Shining di Lush, tra le mie mani capita sempre e soltanto lui. E’ ufficialmente amore.

Alla fine ho ceduto e ho acquistato una spazzola TEK. Ero curiosa di vedere se fosse vero che la combo di gomma naturale e dentini di legno avesse un effetto antistatico sui capelli. Ebbene sì. Messa alla prova sui miei capelli imbizzarriti, questa spazzola fa il suo lavoro: districa senza tirare troppo (io sono quella che si ritrova ciocche intere di capelli nella Tangle Teezer giusto per capirci), e aiuta tantissimo a disciplinare i miei capelli. Il mio unico cruccio con questa spazzola è che, essendo tutta in fibre naturali, è anche molto “porosa”, quindi evito di usarla quando metto creme e prodotti vari sui capelli, preferendo in quei casi la mia plasticosa Tangle Teezer, facile da lavare 😉

E l’estate tira fuori tutta la mia passione per gli shampoo solidi: facili da portarsi dietro, veloci da usare e profumatissimi. Quest’anno ho ri-comprato il mio grande amore, aka Godiva di Lush. Adoro il profumo di gelsomino e adoro questo shampoo come non mai. Tra l’altro, grazie ai pezzettoni di burro di karitè che contiene al suo interno, resta anche molto idratante e poco aggressivo. Ho provato a utilizzarlo anche senza applicare dopo del balsamo ed i miei capelli sono risultati leggeri, lucenti e per nulla secchi. Lush ti prego, non toglierlo mai dalla produzione!

Per quanto riguarda la skincare, come vi accennavo in un vecchio post, sto seguendo un trattamento a base di acido glicolico e vitamina C per schiarire alcune macchie solari (sta funzionando, yey!), ma questo mi costringe all’uso di una pesantissima protezione solare. Su consiglio del farmacista, sto usando Anthelios KA di La Roche-Posay, un idratante con spf 100. E’ una crema sicuramente meno pesante di un normale solare viso – dato che è formulata apposta per essere usata in città – ma è e resta un idrante carico di protezione solare, quindi tende a sbiancare un po’ ed è abbastanza pesante sul viso (soprattutto perché io mi ostino a metterci sotto il mio idrante quotidiano per non privare la pelle di tutti quei nutrienti antiossidanti che mi servono). Ad ogni modo un prodotto valido che fa il suo lavoro. Non mi fa impazzire per finish e sensazione sulla pelle. Un male necessario.

E infine…maschere fresche! Ebbene sì, per tutto l’anno conservo gelosamente i miei barattolini neri vuoti Lush, solo per poi poter andare a riscuotere le mie maschere fresche. Dopo una giornata passata nel caldo, niente è più idilliaco di una bella maschera presa direttamente dal frigorifero. In questi giorni sto testando Cleopatra. E’ la prima volta che la provo e devo dire che mi sta piacendo. Non sarà mai all’altezza delle mie amate Aisha e Settimo Cielo, ma si sta comportando bene sulla mia pelle. E poi niente da fare: quando la rimuovo è un piacere vedere la mia pelle bella tonica e fresca 🙂

Unica nota dolente di questo mio most played, ovvero quel prodotto che sto usando tanto per cercare di capirlo (senza riuscirci) e anche, diciamocelo, per farlo fuori. Stiamo parlando della nuovissima Maschera Detox di Caudalie. Grazie al cielo ho ricevuto questa maschera in omaggio (con l’acquisto di due prodotti Caudalie), così ho potuto provarla e capire che semplicemente non fa per me. E soprattutto, ho evitato di prendere il full size a occhi chiusi, come avevo intenzione di fare. In parole povere, questa maschera detox altro non è che una maschera all’argilla rosa: si applica sul viso, si aspetta che si asciughi e si elimina con acqua tiepida. Fin qui tutto bene, se non fosse che questa maschera è molto più aggressiva ad esempio della mia maschera all’argilla gialla di Cattier quindi mentre contribuisce grandemente a ridurre le mie imperfezioni, mi lascia la pelle molto secca e bisognosa di altre cure (cosa che non mi capita con quella di Cattier). In altre parole, se devo dirla tutta, per funzionare pare funzionare, ma per la mia pelle secca è decisamente un no.

MOST PLAYED GIUDY

Vorrei avere un leit motiv questi most played MA mi piace spiazzarvi inserendo di tutto un po’ dai prodotti di uso quotidiano a quelli per i grandi eventi (come ben saprete sia io che la socia ci stiamo dando dentro con la partecipazione ai matrimoni).
Ma ora vediamo approfonditamente cosa ho utilizzato maggiormente a giugno.

Processed with VSCOcam with f2 preset

– Mi è bastato leggere una sola review della nuova Bubble Mask di Sephora per desiderarla a prescindere. Qualche tempo (e sconticino) dopo, mi son ritrovata con la suddetta maschera detossinante prima nel mio cestello e poi sul mio viso 😀 . Da quel giorno, l’ho provata ormai diverse volte ma non ho ancora capito se il mio like va al rilassamento totale che mi provoca il suo “bolliciare” sul mio viso o al risultato finale o a tutte e due.
Mi spiego meglio: una volta applicata, la maschera inizia a friccicare sulla pelle producendo un effetto massaggino che – chevvelodicoaffà – mi fa solo venire voglia di chiudere gli occhi e partire per un’altra dimensione. Parlando invece dell’effetto vero e proprio prodotto dalla maschera, ho notato la pelle più compatta e luminosa ma non so dirvi se è dato dalla maschera in sè oppure dall’abbandono totale a cui vi induce l’effetto bubble 😀
Seguiranno altri test 😉

– Mascara + estate + sudore + temporali estivi + eventuali matrimoni = effetto panda. O almeno questo è ciò che sempre avvenuto con qualsiasi mascara water-resistant o waterproof provato sino all’attuale Diorshow Waterproof di Dior che sta resistendo a quanto sopra. Anche al mio sudore facciale estivo corrosivo *bleah*.
Unico contro: un super scovolinone con cui ovviamente mi sporco la palpebra ogni volta :/

– Acquistato per curiosità e per il mio studio su rossetti e tinte liquide (già, vendiamo così la mia makeup-addiction), il rossetto I’m Matte Lip Fluid di Pupa nella colorazione n. 51, ha stazionato sulle mie labbra quasi tutto il mese. Promossi assolutamente colore – un rosso freddo leggermente ciliegiato – e soprattutto texture che dona alle labbra un effetto vellutato che mai nessuno prima. Per la parte durata ahi ahi ahi qui casca l’asino ovvero non è una tinta labbra indi non si fissa e soprattutto basta anche solo sfiorarsi con un dito (solo a me capita sempre quando indosso i rossetti?) perchè venga via, figuratevi mangiando o bevendo… Facendo qualche calcolo, posso dire che resiste circa 3 ore se bevete poco e non mangiate.

– Se in passato avevo già osato ciglia finta esagerate, ora, con la scusa degli altrui matrimoni, ho voluto evolvermi (Pokemon style) ed indossare delle tranquille ciglia a ciuffetto. Mi è quindi bastato leggiucchiare qua e la sul web per capire che quelle Essence (io ho preso le Frame4Fame che hanno lunghezze differenti) non solo fossero economiche ma anche molto comode. Detto fatto: meno di 4 euro dopo, ho provato l’applicazione e ho trovato il risultato risultato ottimo!
Io sono purtroppo portatrice di ciglia sfigatelle prive soprattutto di volume ed i singoli ciuffetti mi sono venuti in aiuto in questo ed anche nel rendere il mio occhio più affusolato piazzando alcuni ciuffetti più lunghi alla fine dell’occhio per donargli così una forma allungata. Ormai son diventate la mia ossessione, non solo per i giorni di festa.

– Bonus del mese questi deliziosi orecchini presi da Forever21 che cingono il lobo dell’orecchio con una mezzaluna. Sarà l’anzianità o sarà il caldo ma io ultimamente preferisco evitare di indossare orecchini grandi (mia passione da sempre) preferendogli invece orecchini più moderati ma comunque originali e d’effetto proprio come questi.

Annunci

3 thoughts on “Most played | Giugno 2015

  1. Simo anche per me il balsamo Biofficina volumizzante è ufficialmente amore ❤

    Giudy quegli orecchini sono magnifici, mi ricordano Sailor Moon *__*

    • Prova quella peeling glicolico piuttosto. Questa detox su di me è risultata davvero troppo aggressiva, invece quella peeling mi lascia la pelle morbida e luminosa. Poi si sa che tutto varia da persona a persona, ma basandomi sulla mia esperienza, non mi sento proprio di raccomandare la maschera detox :-/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...