TAG | Fallinlove: episodio 4, Tv Series

Innamorate dell’autunno, non potevamo esimerci dall’entrare anche noi nella squadra del #tag Fall in Love  ideato da Caffèlatte For Breakfast. Questa settimana si parla di telefilm, una delle nostre passioni che ci ha fatto conoscere ed unito sin dall’inizio… ma questa è un’altra storia che magari narreremo in un altro momento parlando dei telefilm della nostra vita. Anzi, diteci se vi piacerebbe leggere una nostra personale top ten e ci mettiamo all’opera 😉
Intanto ecco cosa stiamo (binge)watchando in questo momento.

SIMO binge-watcha

Non so dire quando è nato il mio amore per i telefilm: ricordo di guardarli per ore e ore da quando ero piccola (*shame on me!*). Scrivere questo post sarà per me difficilissimo, quindi mi concentro sui telefilm che sto vedendo ORA, in questo autunno.

DOCTOR WHO: Keep calm and call the doctor. Doctor Who segna l’inizio della stagione invernale dei telefilm, con i primi episodi dal mese di settembre. Dopo una stagione di transizione così così (almeno secondo me), quest’anno il Doctor è tornato grande, recuperando i grandi cattivi della mitologia passata, storie con archi più complessi e quella fantascienza un po’ surreale e un po’ ingenua che fa tanto anni ’60. Si torna un po’ bambini guardando il Doctor e credo che questo sia il suo punto di forza. Per il resto, se adorate la campiness delle serie Brit e vi piace la fantascienza di una volta, date un occhio a questa serie storica (va in onda dagli anni 60 più o meno in modo continuativo) e passate 50 minuti a spasso per mondi fantastici a bordo del Tardis!

13-Doctor-Who-All-Actors-Cast

FARGO:  Seconda stagione anche per Fargo, una serie “antologica” (ovvero ogni stagione è a sé) prodotta dai fratelli Coen (responsabili anche dell’omonimo film). Anche in questa stagione torniamo in un freddissimo e desolatissimo North Dakota innevato, ma facciamo un salto temporale indietro di 40 anni: siamo infatti nel pieno degli anni 70, in una contea governata da famiglie con interessi più o meno onesti i cui piani vengono messi in discussione da una non più  giovane donna un po’ svitata e da due onesti e coraggiosi poliziotti. Di questa serie apprezzo la solidità della scrittura e dello story telling ed ovviamente le scelte tematiche e stilistiche che conformano ogni dettaglio di regia e montaggio allo stile delle pellicole anni 70. Forse più deboluccia della precedente in termini di personaggi, ma una delle migliori serie degli ultimi anni.

Fargo-Mindpress

SIT-COM: Accanto a serie più impegnative, assumo sempre la mia dose di sit-com. Dopo aver detto addio negli ultimi anni a due – per me – capolavori indiscussi della TV quali The Office e Parks and Recreation, sono costantemente a caccia della sit-com che prenderà il loro posto nel mio cuore. Vedo dagli esordi The Big Bang Theory, ma devo ammettere che, nonostante la ripresa nel livello di comicità di quest’anno (grazie soprattutto a Howard e Bernadette), questa serie ha smesso di brillare anni fa. Spero sempre che si riprenda ma al momento è solo l’ombra di quello che è stata la gloriosa season 2. Sul filone commedia sarcastica al limite del demenziale, sono ormai tre anni che seguo con soddisfazione Brooklyn 99, creata dal genio Michael Shur (scrittore e creatore rispettivamente di The Office e Park&Rec): scambi rapidi e witty alternati da momenti slapstick e sempre una grande grandissima Gina, “the Paris of people” (cit., meravigliosa Chelsea Peretti). In recupero, e devo dire grandissima sopresa, c’è New Girl: per me il nuovo Friends ma moooolto più politicamente scorretto (“friends help friends have casual sex with strangers” non è qualcosa che ci saremmo potuti aspettare di sentire in una serie anni 90) e aggiornato alla nostra generazione, con tanto di riferimenti storici per chi era adolescente negli anni 90 (vedi il mito di Mark Paul Gosselar e di Bayside School/Saved by the Bell). Lo vedo e mi ci rivedo. E rido come una scema. Di tutt’altro stile e spessore, Derek, serie originale di Netflix creata, scritta e interpretata dal geniale Ricky Gervais. Ecco, se vi aspettate una serie caustica e cinica stile The Office UK (altro suo capolavoro) vi troverete totalmente spiazzati e sorpresi: Derek ci fa vedere il mondo con gli occhi buoni di chi si dedica agli ultimi, ma riesce nel difficile compito di non risultare buonista.

telefilm

Mi fermo qui con le sit-com, fiduciosa di avervene consigliate per ogni gusto 😉

E voi…che state vedendo in questo autunno? Avete ancora una vita o anche voi avete fatto l’abbonamento a Netflix?

good-guy-netflix-meme-2

GIUDY binge-watcha

Mi drogo di telefilm non solo in autunno ma 365 giorni all’anno o quasi ed il mio contaleorepassateaguardaretelefilm di MyEpisodes registra numeri inquietanti che cerco ogni volta di dimenticare. Sono sempre all’eterna ricerca del telefilm appassionante da bingewatchare in una notte o da aspettare con ansia (ed un pizzico di frustrazione) settimana dopo settimana; non cerco il capolavoro assoluto, mi basta un telefilm che, per un motivo o per l’altro, mi prenda e mi incateni allo schermo.

1Ecco dunque i miei telefilm del momento.

QUANTICO: partiamo dalla mia guilty pleasure del momento ovvero un telefilm che tenta di mixare spy story e sentimento… senza riuscirci del tutto. Lode però al fatto che la protagonista è una donna ed è pure indiana (dopo The Mindy Project tutto è possibile) ed è bellissima infatti è l’ex modella ed attrice bollywoodiana Pryianka Chopra che, anche nel mezzo di un attentato, dopo essere uscita dalla piscina o quando è in fuga e non si lava da giorni… continua ad essere favolosssa e ad avere dei boccoli stratosferici (vedi foto sotto). Come si fa a non odiarla?! 😀
Ve lo consiglio se siete alla ricerca di una storia con colpi di scena telefonati xD che vi tenga piacevolmente impegnati 45 minuti senza dover utilizzare troppo il cervello.

140267_8904

AMERICAN HORROR STORY HOTEL: Non sono una fan sfegatata della serie AHS e ne ho skippate senza remore un paio, però l’ultima che sta andando ora in onda (Hotel) ha il bonus Gaga che… vale la pena guardare. Eccome se ne vale la pena.
In questo nuovo capitolo horror (molto molto più orrorifico delle precedenti) la protagonista indiscussa è proprio Lady Gaga nella parte di una divissima vampira assetata di sangue e sesso che sfoggia sempre look e makeup meravigliosi. Insomma, lo seguo praticamente solo per i suoi outfit e la sua voce roca e sexy. Bonus: Matthew Bomer (il nome forse vi dice poco, ma pensate a White Collar e Magic Mike) sempre bellissimo e qui anche spregiudicato.
Ve lo consiglio se vi piacciono le emozioni forti e se siete curiosi di vedere come Lady Gaga riesca a reinventarsi esteticamente puntata dopo puntata.

1

SENSE8: Beccatevela immediatamente su Netflix e preparatevi a non alzarvi dal divano per 13 puntate. Io l’ho amata immensamente e staccarsene è stato davvero complicato e difficile ma… hanno già confermato una season 2 *yey!*
Vi anticipo che nella prima puntata non capirete un’emerita mazza ma già dalla seconda ne diverrete dipendenti. Ebbene sì, i Wachowski (quelli di Matrix giusto per citare la Storia) hanno fatto un grandissimo centro con questo telefilm che segue 8 persone molto speciali in 8 città del mondo (città vere, non green screen: ci spostiamo dalle Americhe all’Europa passando per India e Africa) che finiscono per conoscersi ed incontrarsi per raggiungere uno scopo finale. Nel mezzo ci sono temi importati come le differenze culturali e sessuali, siparietti da musical, un pizzico di attualità e… un’orgia super hot 😉
Ve lo consiglio. Punto. A tutti. Punto. E vi lascio con una scena-clip musical che vi resterà nella testa e nel cuore.

Annunci

6 thoughts on “TAG | Fallinlove: episodio 4, Tv Series

  1. Devo ancora vedere la 8 e la 9 di The Big Bang Theory (mio preferito in assoluto), però devo ammettere anche io che nelle ultime stagioni non è stato proprio il top. Vero che i personaggi devono evolversi durante la storia ma secondo me la love story Amy-Sheldon sta sfuggendo un po’ di mano e rischia di intaccare la personalità di Sheldon che ho trovato estremamente cambiato 😐

    • Io sono un po’ delusa anche per come sono trattati i personaggi. Inizialmente avevano usato lo “sguardo” di Penny come punto di vista su il mondo nerd/accademico e la cosa era divertente…ma poi si è proprio tutto un po’ evoluto da una parte in una presa in giro di atteggiamenti che non sono nemmeno così tanto nerd. Spesso trovo riferimenti molto più arguti in altre serie (vedi New Girl). Ad ogni modo sono contenta di vedere che la serie si sta un po’ risollevando 🙂 Poi quando hai recuperato dimmi che ne pensi 😉

    • Welcome to the dark side 😉 Anche io abbonatissima e sono strafelice, anche se sto cercando una mail/servizio clienti per iniziare a rompere le scatole perché voglio PIU’ TELEFILM: ho visto il catalogo americano e sto ancora sbavando. C’è tutto. Con quello seriamente non avrei più una vita sociale. Che poi…la vita sociale è sopravvalutata 😀

      Pensa che ci siamo limitate con i telefilm…potremmo scriverci un post a settimana e boh…forse arriveremmo alla metà di quel che vediamo ahahahahah

      Dicci un po’ che cosa vedi tu? Manda in crisi anche la nostra di vita sociale 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...