Most Played | Marzo 2016

Most played significa i prodotti beauty (+ 1 extra) che abbiamo più utilizzato e sfruttato questo mese, il che non vuol dire solo quelli che abbiamo amato ma anche quelli che stiamo scoprendo, quelli che  abbiamo tentato (talvolta senza successo) di farci piacere, quelli che abbiamo cercato di terminare al più presto e ancora quelli che d’ora in poi non vogliamo più abbandonare.

Se volete conoscere il resto del team, fate riferimento alla creatrice del TAG ovvero miss GoldenVi0let 😉

most played SIMO

Ed ecco i miei primi most played dalla terra belga! Un sacco di emozioni e un sacco di …stanchezza 😀 Fare un trasloco “internazionale” è una mezza impresa. Durante il primo mese siamo stati in una sistemazione temporanea, quindi ho avuto pochissime cose con me, ma sono riuscita lo stesso ad innamorarmi di qualche prodottino 😉

P_20160331_102703

Il primissimo prodotto sulla lista è uno dei famosi olii di Khadi, questo al White Lily. E’ un olio ricco, adatto a pelli mature o disidratate. Io lo uso la sera come fosse un siero prima della crema e lo sto davvero amando. Lascia la pelle super morbida e levigata e, nonostante la ricchezza, si amalgama benissimo con la crema e si assorbe davvero velocemente. Io adoro questi olietti Khadi e apprezzo la confezione travel size, perfetta per cambiare spesso trattamento o per viziarsi ogni giorno con una fragranza diversa 🙂

Scoperta e insieme nuovo amore anche per l’Olio Solido Shampoo de Il Calderone di Gaia. Ho trovato solo la fragranza al Cocco e Vaniglia ai tempi del mio ordine e devo dire che non mi dispiace per niente. Anche lo shampoo è davvero interessante, finora gli unici shampoo solidi che ho provato sono stati quelli di Lush ma questo non ha nulla a che vedere se non il concetto. Questo olio solido deterge senza seccare le punte ma pulisce perfettamente le radici, io utilizzo sempre balsamo e crema quindi non ho notato particolare secchezza della cute, come aveva segnalato la socia, noto solo che i capelli mi stanno puliti tantissimo e di questo non posso che essere felice!

Dagli Stati Uniti mi sono portata un sacco di ricordini, tra cui una travel size della crema fluida corpo Jingle All The Way di Bath & Body Works. Devo confessare che avevo un po’ paura di queste creme con l’inci tutt’altro che pulito, eppure mi sono dovuta ricredere perché idratano e lasciano anche la pelle morbida a lungo (almeno tutta la giornata). Quindi diciamo che, quando ho voglia di un profumo sfizioso, mi coccolo con una di queste 😉 In particolare la Jingle All The Way fa parte della collezione natalizia e ha una profumazione zuccherosa e leggermente agrumata. La adoro ❤

Io so che continuo a rompervi l’anima – immaginate solo quanto debbano amarmi le mie amiche ehehe –  ma io ormai sono diventata adepta di Olaplex. L’ho detto. Ho finalmente provato il numero 3, ovvero il trattamento che si fa a casa, come maschera pre-shampoo che, se usato con frequenza ovvero una volta a settimana, mantiene l’effetto ottenuto dal parrucchiere e lascia i capelli più forti, lucidi e lisci. Io non ci rinuncio più. Costa tantissimo (il prezzo di vendita è tra i 47 e i 50 euro per 100ml) ma spesso si trovano offerte su amazon e riuscite a trovarlo come me a 31 euro, prezzo che mi è sembrato civile – non economico eh – ma abbordabile. Ovviamente se ne usa pochissimo quindi confido di farlo durare per un bel po’ 😉 Indietro non si torna!

Infine, ho finalmente preso anche io un asciugamano turbante in microfibra per i capelli. No, non ho ceduto a quello di Soap and Glory che costa più di 10 sterline (#ancheno), bensì mi sono accontenta di un misero asciugamanino color corallo di Primark: ben 4 euro. Devo dire che non capivo il senso di questi aggeggi prima di provarne uno, ma in effetti sono una soluzione perfetta per quando si vuole lasciare che i capelli asciughino da soli – o almeno per quando si vuole far assorbire un bel po’ di acqua prima di passare al phon. A differenza di un normale asciugamano questo in microfibra non si inzuppa ed inoltre i bordi elastici evitano che il turbante continui a cadervi a destra e a manca. In sostanza, comodissimi e praticissimi. Approvati!

most played GIUDY

Marzo ovvero della gioia dei primi raggi di sole che colpiscono le mie gote prepontentemente illuminate (e protette da spf): per la serie se non riesci a trovare la luminosità dentro di te, cercala nel makeup.

Processed with VSCO with f2 presetAl primo raggio di sole diventa ancor più fondamentale utilizzare una crema viso da giorno che abbia al suo interno anche la protezione solare (ma per me è così tuuuutto l’anno ;)) e Ariel de Gli Agronauti è stata una scoperta che mi sta felicemente accompagnando giorno dopo giorno da circa un paio di mesi.
Questa crema viso ha un spf di circa 15 (dico “circa” dal momento che il fattore di protezione non è certificato ma è basato sulla loro stima di laboratorio) indi non è da considerarsi il sostituto di un solare vero e proprio ma offre una buona protezione a chi si espone al sole in contesti urbani come me. Quello che più mi piace di questa crema è che si assorbe in maniera veloce e soprattutto non unge la pelle ovvero è ottima per le pelli miste con tendenza a lucidarsi.

Possiedo il primer illuminante Neve Cosmetics da diverso tempo eppure non l’avevo mai compreso appieno almeno fino a questo momento quando mi sono imposta di utilizzarlo su base quotidiana ed ho così capito che… non serve a nulla. Ebbene sì: metterlo o non metterlo non cambia nè la tenuta nè la resa del makeup e vi assicuro che gli ho dato più e più occasioni testandolo con makeup minerale e siliconico, fondotinta in polvere e liquido, mettendolo su tutto il viso o solo metà (si vedrà così una differenza, no?!? Spoiler: no) e il risultato è stato sempre il medesimo ovvero totale  indifferenza che lui fosse stato applicato o meno.

L’Ambient Lighting Palette di Hourglass invece fa un saaaaaacco di differenza: la utilizzo su base quotidiana e ne ho addirittura toccato il pan :O ! Questa palette è composta da una cipria luminosa (la famosa Dim Light), un illuminante dai toni freddi ed un bronzer e – strano ma vero – li utilizzo tutti e tre e tutti e tutti e tre insieme riescono a donarmi una luminosità perfetta senza scadere nell’effetto palla da discoteca o peggio ancora pelle lucida.
Sono rimasta colpita soprattutto dal bronzer – ed io non sono mai stata un’amante del cosmetico bronzer – che, spesso mixato insieme agli altri due prodotti, riesce a donarmi un effetto meno cadaverico del solito, cosa che apprezzo soprattutto con l’arrivo della bella stagione.

Per applicare al meglio l’illuminante ho avuto una vera illuminazione *LOL* quando ho iniziato ad utilizzare il pennello Setting Brush di Real Techniques: piccolo ma non troppo, riesce a depositare la giusta quantità di prodotto sugli zigomi senza spargere il prodott0 per tutto il viso. Un nuovo prepotentente must have (e most played 😉 )

Infine come most played non makeupposo dovevo troppo farvi vedere il mio nuovo portafoglio Furla acquistato coi saldi *.* Avevo paura fosse troppo grande invece, essendo bello slim, riesce a conservare tutto quello di cui ho bisogno senza divenire un malloppone informe e gigante come i miei precedenti portafogli. L’acquisto migliore che potevo fare!

Annunci

4 thoughts on “Most Played | Marzo 2016

  1. Pingback: I segreti della nostra skincare viso | Big Dreams on a Budget

  2. Pingback: Exterminate! Agosto e Settembre 2016 | Big Dreams on a Budget

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...