Exterminate! Maggio&Giugno 2016

Siamo più determinate dei Dalek a terminare tutti i prodotti (o quasi) in nostro possesso. Non ce ne sarà per nessuno: da quelli che amiamo a quelli che non vediamo l’ora di buttare, finiranno tutti STERMINATI.

1

SIMO (s)TERMINA

Ho passato maggio e giugno tra Belgio e Italia e accumulato un bel po’ di prodottini terminati in entrambe le case. Socia trema 😛

P_20160526_113714

  • La Fruit Smoothie Masque di Montagne Jeunesse è una mud mask (una di quelle che si asciugano una volta applicate), contiene argilla e altri nutrienti derivati dalla frutta e promette una pelle soffice e idratata. Devo essere qui onesta ed ammettere (alla fangirl di queste maschere che è in me) che nonostante il profumo fruttato gradevole, questa maschera non è eccezionale: leviga la pelle è vero ma non riesce a pulirla a fondo e soprattutto non idrata o almeno, io faccio davvero fatica a sentire una maschera che si asciuga sulla pelle come idratante. Non credo che la prenderò nuovamente… in fin dei conti ho un’ampia scelta di altre maschere da provare!
  • Discorso diverso per la Cucumber Peel-off: la formula gel che si “stacca” una volta che è asciutta, è davvero molto pratica e l’effetto rinfrescante e tonificante è assicurato. Unico neo è il forte odore di alcol che, nonostante sparisca subito, può dare fastidio agli occhi più sensibili. A me non ha infastidito particolarmente ma meglio avvisare 😉
  • Sono arrivata in fondo al secondo flaconcino di Siero Rigenerante di Biofficina Toscana. Grazie alla sua base oleosa molto idratante ma non unta e a rapido assorbimento, si è confermato per il secondo inverno consecutivo la base giorno perfetta per i successivi trattamenti idratanti. E dato il tempo orrendo che questa primavera/estate ci sta riservando, non mi ha dato per nulla infastidito utilizzarlo fino a fine maggio :-/ Ci vediamo il prossimo inverno caro siero 😉
  • Dopo un paio di mesi mi abbandona anche l’olietto ayurvedico di Khadi al White Lily: un olio adatto alle pelli secche che ha un profumo di gelsomino intenso. Applicato da solo o anche prima di un idratante nutre a fondo la pelle e la lascia tonica e liscia. Non è il mio preferito tra quelli provati, ma resta comunque un prodotto valido e consigliato.
  • A quasi un anno da quando l’ho iniziato (lo scorso luglio per essere precisi) ho dovuto dare l’addio al mio Olio Solido Detergente Viso al Cocco e Vaniglia de Il Calderone di Gaia. Non era terminato ma il pezzetto che era rimasto si è autodistrutto e l’odore iniziava a cambiare, quindi ho deciso di cestinarlo. Ho parlato più volte di questo prodotto (qui trovate una recensione) perché mi è veramente piaciuto: un panetto morbido a base di olio che al contatto con l’acqua si trasforma in un latte delicato che pulisce a fondo, idrata e tonifica. In più il profumo è divino e la formula solida lo rende comodissimo per viaggiare. Unica pecca è il formato gigante ma hanno già aggiustato il colpo producendo anche i travel size che, secondo me, sono l’ideale per conservare ottimamente il prodotto.

P_20160612_111927

  • Ennesima confezione di Balsamo Protettivo Volumizzante di Biofficina Toscana. Ormai non cambio più. Idrata i capelli a fondo e li lascia leggeri e super soffici. In più, il profumo fresco e “marino” è favoloso e mi crea dipendenza.
  • Non uso spesso gli shampoo secchi e per questo motivo mi trovo bene con le confezioni mini di Batiste (con cui ci faccio 2, massimo 3 applicazioni). Questo nella versione tropical funziona bene per assorbire il sebo dei capelli e aiutarli a “tirare un altro giorno”. L’azione texturizzante non è fenomenale (ma nemmeno la promettono, ad essere sincera :D) quindi se cercate un prodotto che dia volume magari orientatevi su altro. Il profumo, come dicevo, tropicale è gradevole e ricorda il mango e la pesca.
  • Ho acquistato la crema Idratante di Viviverde Coop quando ancora vivevamo tra i monti e avevo bisogno di una crema da usare giorno e notte. L’avevo pagata davvero poco (se non ricordo male, circa 5-6 euro per 50ml di prodotto) per cui non avevo aspettative altissime. L’inci è pulito ma non contiene ingredienti particolarmente pregiati, è un idratante “base” diciamo e questo fa: idrata la pelle e lo fa bene. Non ha però effetti particolarmente tonificanti e/o leviganti e non ha effetti anti-age o cose del genere. Insomma, va bene se si è giovani o se si vuole una crema semplice per mantenere la pelle idratata. Se cercate altro, passate oltre 😉
  • Maschere monouso Montagne Jeunesse come se piovessero. Ovviamente anche a Milano ho la mia scorta eheh. Nelle due settimane in cui sono rimasta lì ho provato per la prima volta la Blemish Mud all’aloe anche se, come dicevo poco sopra, non amo particolarmente le mud mask dal momento che si asciugano molto e mi dà molto fastidio sentire la pelle tirare. Ad ogni modo, questa maschera è molto molto efficace e asciuga le imperfezioni lasciando la pelle più liscia e tonica e visibilmente pulita. Ho sopportato volentieri il fastidio visti i risultati 😉 .
  • Ho terminato anche la seconda confezione di fondotinta Maybelline Dream Wonder Nude. Purtroppo, da quel che ho potuto vedere, questo fondotinta non è più in produzione o in commercio, quantomeno in Italia. Negli ultimi mesi l’ho visto sparire da qualsiasi scaffale (mentre qui in Belgio, per ora, si trova ancora).  Ho terminato quel che restava della colorazione 30, ovvero la più chiara a base rosata disponibile in Italia (davvero scuretta per me e quindi rilegata alla stagione primaverile, qui trovate una review approfondita anche sulla selezione colori). Io sono a lutto per la sua dipartita perché aveva un ottimo rapporto qualità / prezzo: per 13-14 euro si aveva un fondotinta leggerissimo, che quasi non si sentiva sulla pelle, con una coprenza media e facilmente modulabile ed un effetto matte-ma-non-troppo. Tra l’altro devo dire che la versione europea senza SPF è nettamente superiore a quella americana (SPF munita) risultando molto più leggero e duraturo. Spero ardentemente che Maybelline riconsideri la sua scelta perché tra le novità non ho ancora visto niente che mi convinca come questo prodotto. Sarà dura senza di lui.
  • Lo scorso autunno avevo avuto diversi problemi con i capelli: erano diventati oltremodo fragili e ne perdevo a ciocche. Quando ho problemi di questo tipo, vado abbastanza sul sicuro con i prodotti di Phyto e nei mesi invernali avevo utilizzato con notevole successo la combinata Phytolium (uno shampoo anticaduta da uomo, ma io sono scema e l’ho tirato su per sbaglio) e Phytokeratine (una maschera ultra-riparatrice ricca di cheratina – maddai). Insieme questi due prodotti hanno ristrutturato in modo efficace i miei capelli restituendo loro robustezza e corpo. Devo dire che la maschera mi è piaciuta molto di più dello shampoo ma forse perché è più facile vedere gli effetti di una maschera rispetto a quelli di uno shampoo. Combinata vincente che terrò a mente in caso mi trovassi ancora con capelli così disastrati… e magari la prossima volta provo lo shampoo anticaduta per donne 😀 – che esiste ed è rosa -… come ho fatto a prendere quello “sbagliato” so solo io.
  • Campioncini che passione, soprattutto se non sono quelli un po’ sfigatelli monodose, ma vengono in tubetti di tutto rispetto che consentono applicazioni multiple (e quindi la possibilità di farsi veramente un’idea del prodotto). Recentemente mi sono stati omaggiati questi due sample di Weleda. La Crema Viso Giorno alla Rosa Moscheta è già tra i miei prodotti preferiti e sono stata felicissima di averla ancora con me per qualche giorno: è una crema ricca e molto idratante con un favoloso effetto levigante sulla pelle del viso, davvero una delle migliori che abbia mai provato e che sempre mi propongo di riacquistare… ma la curiosità per altri prodotti spesso prevale. Prima o poi ci riuniremo però 😉
    Prima volta invece per il Siero Viso al Melograno, un siero a base acquosa, fresco e con un’azione nutriente ed elasticizzante. L’ho provato per una decina di giorni e ho visto la pelle tonica subito dopo l’applicazione, ma purtroppo non posso giudicare sugli effetti a lungo termine. Lo metto in lista per il futuro.

P_20160612_111941

  • Da qualche settimana sto testando gli shampoo concentrati di  Biofficina Toscana. A Milano avevo un campioncino dello Shampoo Concentrato Purificante e ho provato a diluirlo e utilizzarlo. Purtroppo ho toppato la diluzione, per cui il risultato non è stato eccezionale ma ho fatto comunque in tempo ad innamorarmi del suo profumo di salvia e limone ❤ . Favoloso davvero. Non ho particolari problemi di cute grassa, quindi non prenderò mai il full size, ma se mi ricapitasse il campioncino, lo userei con piacere anche solo per il profumo (magari senza sbagliare le dosi questa volta).
  • La maschera viso alla Lavanda di Nature Republic è stato un souvenir graditissimo da parte della mia amica C. (<3). Nonostante io sia super impedita con le sheet-masks (soprattutto queste in idrogel divise in due metà ovvero viso superiore e viso inferiore), sono riuscita ad applicare e far aderire bene la maschera e a tenerla su per una buona mezzoretta. La maschera è fa-vo-lo-sa: tonificante e rilassante, una coccola serale per la pelle perfetta alla fine di una giornata stressante (e di giorni di pace a Milano ne ho avuti troppo pochi :-/ ).
  • Terminato anche un “campione” di dischetti in cotone Demak Up. Io sono fedelissima alle sottomarche (vero dischetti Esselunga?), quindi mi ha fatto piacere provare la trama a retina ultra efficace di questi dischetti di marca 😀 Che dire. Sono in cotone e struccano bene. Meglio di quelli di altre sottomarche sempre in cotone? Assolutamente no. Resto fedele alle mie abitudini 😉
  • E finiamo questo lunghissimo post con l’addio ad uno dei miei bagnoschiuma preferiti di Lush: La dolce vita/Flying Fox: un concentrato di gelsomino intenso e avvolgente. Amo amo amo questo docciaschiuma, con una piccolissima quantità fa tantissima schiuma, non secca la pelle e la lascia profumata a lungo. Lo riprenderò ancora, esattamente come ormai faccio da anni.

GIUDY (s)TERMINA

Ci avevo provato a terminare meno prodotti per non umiliare la socia. Ma poi…

1465971560158Skincare

Processed with VSCO with f2 presetL’acqua termale è da anni un mio must have, d’estate come d’inverno. Sono sempre stata fedele a quella Avène ma da quando ho conosciuto l’acqua termale Jonzac mi son convertita e devo dire che la trovo leggermente migliore. Come la utilizzo? Almeno in 10 modi diversi 😉

Ve lo ribeccate sempre ma è sempre lui: lo struccante bifasico Nivea che toglie tuuuuuuuuutto il trucco dagli occhi, soprattutto quello pesante e waterproof.

Generalmente trovo i prodotti REN ben superiori alla media, peccato invece che il siero Instant Firming Beauty Shot non mi abbia fatto… proprio nulla! Metterlo o non metterlo è stato come se non fosse mai entrato in contatto con la mia pelle :/ . Delusione.

La mia zona T tende a lucidarsi dunque devo portare sempre con me delle salviettine assorbisebo. Queste di Essence sono comode, leggere, economiche e svolgono degnamente il loro lavoro. Promosse.

Quando un burrocacao mi colpisce si vede, infatti comincio a provarne tutti i gusti e le varianti e così è ormai da tempo con gli Addolcilabbra Alkemilla che trovo davvero ottimi, super idratanti e dai profumi deliziosi. Questo appena terminato è Torta di Mele e non ci crederete maaaaaa… sa proprio di torta di mele! 😀 Godurioso.

Maschere viso

Direi che sì, il mese di maggio è stato il mio mese dedicato alla cura del viso ed alle maschere in particolare. E si vede!

Processed with VSCO with f2 presetProbabilmente queste saranno le ultime maschere in tessuto di Sephora che acquisto dal momento che ho di recente trovato un’alternativa bio, economica e decisamente migliore (vedi sotto 😉 ). In questi mesi ho provato la variante Green tea, mascheraseboregolatrice efficace che non secca la pelle e Avocado, maschera idratante che – effetto frescura a parte – non mi ha dato particolari risultati.

Ottime come al solito le mie amate maschere monouso Montagne Jeunesse delle quali ne abuso ormai felicemente. Dry Skin è una novità molto interessante: oltre alla maschera vera e propria (con la quale al solito si riescono a fare circa 3 applicazioni), contiene anche una crema viso da far seguire alla maschera stessa. La combo maschera+crema è idratante ed addolcente e sicuramente da provare nuovamente in autunno/inverno
PawPaw è una maschera alla papaia peel-off (ovvero di quelle che si solidificano e si levano tutto d’un pezzo) ma, al contrario della sorellina al Cucumber che  contiene molto alcool tanto da irritarmi leggermente gli occhi, questa è delicata e abbastanza efficace nella rimozione dei punti neri.
Ormai conoscete anche voi Skin Polisher, un delizioso budino alla vaniglia 😀 che si spalma sul viso per idratarlo ed effettuare un lieve gommage. Una delle mie preferite!
Altra novità provata è Virgin Oil, una maschera purificante che però ho riscontrato essere abbastanza aggressiva indi decisamente adatta alle pelli più grasse e problematiche.

Avevo già provato la maschera monouso (durata circa 5/6 applicazione) gel di lumaca di Dr Organic e confermo le prime impressioni: ottima. Lascia la pelle morbida e distesa e il suo profumo di limone è molto piacevole.

Prima volta con la maschera monouso (durata circa 5/6 applicazioni) Cleansing Mask di Cien ma è bocciata: non ha avuto NESSUN effetto! Neppure astringente. O idratante. Nulla.

Ed ecco a voi la mia recente scoperta e nuova ossessione ovvero le maschere in tessuo Dizao che sono così taaaaanto impregnate di prodotto che ho provato ad utilizzarle addirittura per due applicazioni l’una :O Altri pro? Sono bio, sono economiche (vanno dai 2.50 euro ai 3.90 euro), contengono anche il siero o la crema da far seguire alla maschera per potenziarne gli effetti e, non da ultimo, sono decisamente efficaci! La palma d’onore va a Boto, la prima che ho provato e quella che mi ha rubato il cuore: effetto pelle lisssssssssia, distesa, segni di espressione quasi scomparsi e madre che mi guarda e mi dice “oggi hai dormito 12 ore consecutive?” e no, avevo solo fatto questa maschera prima di uscire. Top top top! Ne voglio una scorta intera!
Avocado (ciao maschera Sephora omonima) è una maschera idratante, utile soprattutto durante i giorni in cui la pelle è triste e grigia e non ne vuol proprio sapere di essere luminosa e felice.
Infine Perla (distensiva) e Green Tea (antiossidante) che debbo ammettere non mi hanno impressionata particolarmente. Parliamoci chiaro: entrambe lasciano la pelle distesa e tonica ma non ho visto alcun effetto WOW di strabiliamento come la mia amata Boto.

Bodycare

Processed with VSCO with f2 presetGolden Handshake di Lush di primo impatto mi è sembrata una vera figata: un piccolo panetto da immergere in acqua calda (come se fosse una cioccolata calda bianca in cubetto) e poi da spalmarsi sulle mani per un effetto maschera mani uber top. Peccato che non abbia funzionato ed il composto non sia mai divenuto corposo quanto quello di una maschera ma è rimasto quasi “scomposto”. L’effetto poi sulle mani bah. NeeeeexT!

Preso da LIDL solo perchè ho amato il packaging a mo’ di vasetto delle conserve, questo burro corpo al cioccolato di Cien si è rivelato essere invece molto buono: assai idratante e perfetto per il periodo freddo. Uniche note negative: 1. bisogna spalmarlo per bene altrimenti lascia strisciate bianche e 2. non è sempre reperibile.

L’olio corpo setificante alla pesca di Delidea è davvero un olio morbido ed idratante, perfetto da spalmare sul corpo ancora umido dopo una doccia. Nota negativa? Non amo il profumo di pescaaaaa 😦 (ma era un regalo).

Salutiamo tutti insieme la mia amata colonia Earl Grey & Cucumber di Jo Malone ovvero il *MIO* profumo per eccellenza, quello che debbo avere sempre & perennemente in casa da vaporizzarmi se una mattina sono un po’ giù o se ho bisogno di una carica positiva. E’ lei: fresca, delicata, dal sentore di bergamotto e con una nota fresca e leggera di sottofondo che la rendono per me meravigliosa, soprattutto in primavera. Ottima anche da abbinare (fragrance combining anyone?) ad altre colonie della Casa.

Nonostante il packaging delizioso e l’idea geniale di fondo, il “sapone” Medusa di Volga non mi ha particolarmente convinta, forse perchè schiuma poco ed io invece in doccia/vasca ho proprio desiderio di averne. Per una recensione più dettagliata, vi rimando ad un post comparativo.

Il Principe Azzurro da Lush si veste di rosa, profuma di melograno e risponde al nome di Prince Charming, un bagnoschiuma de-li-zio-so che ho amato tantissimo per il suo profumo fresco, frizzante ed avvolgente. Purtroppo è una limited edition ma qui rivolgo il mio appello a Lush: ridatemeloooooooooo!

Ho avuto la fortuna di poter provare in minisize la crema corpo argan vaniglia e mandarino di Fattiamano e so già da ora che la riacquisterò assolutamente in futuro perchè mi ha davvero convinta: è molto corposa ed idratante indi perfetta per i periodi più freddi e soprattutto ha un profumo buonissimissimo che mi ricorda proprio i sentori autunnali/invernali *.* Amo!

Makeup

Scusate per la foto mossa, forse ero in lutto per tutto questo makeup che mi ha abbandonata? 😀

Processed with VSCO with f2 presetIl mio correttore preferito in assoluto evaH entrato immediatamente nei most played appena acquistato&testao: Urban Decay Naked Concealer io non ti mollo ed anzi ti ho già acquistato nuovamente!

Il gel per sopracciglia Brow Drama di Maybelline è famoso per il suo scovolino strana assai ingombrante, cosa che sinceramente non mi ha mai turbata particolarmente. Non mi ha invece fatta impazzire la texture di questo prodotto: poco colorato e poco fissante.

Si può amarlo o detestarlo ma il Touche Eclat di YSL è davvero comodissimo da tenere in borsetta per i ritocchi veloci post giornata passata in ufficio: bastano due zic per riportare luce nei punti giusti (per quanto mi riguarda: arco di cupido, linee d’espressione sotto gli occhi e contorno labbra). Piccolo e semplicissimo vademecum per utilizzarlo al meglio: NON è un correttore indi non trattatelo come tale.

RIP per l’eyeliner Tattoo Liner Kat Von D. Duro colpo per me questo (soprattutto se ti molla una mattina quando hai fatto un occhio e l’altro ti fissa dallo specchio ancora da truccare) anche perchè come lui nessuno mai: dura così, è nero così, è semplice così, fa una linea fine così. Sarai rimpianto a lungo.

Recensita da poco e già terminata: la matita/ombretto per sopracciglia BrowSatin di Maybelline non mi ha dato una buonissima impressione. Questo prodotto ha da un lato una matita dalla mina alquanto tozza mentre dall’altro un ombretto in polvere ideale per riempire ma niente scovolino, cosa di cui ho sentito assai la mancanza :/ Per quanto riguarda il prodotto in sè non ha una grande tenuta anzi, spesso mi sono ritrovata con dei segni di matita o polvere vaganti per il viso.

Vi avevo già parlato in lungo e in largo matita della matita per sopracciglia Urban Decay ma riassumo con un troppo, troppo, troppo cara. Per il resto non è male ma troppo troppo troppo cara.

Sono troppo felice di avere finalmente provato con un campioncino l’ormai famossissimo mascara Le Volume di Chanel che devo ammettere mi è piaciuto: ha uno scovolino in silicone comodo che non mi ha dato modo di macchiarmi e le mie ciglia avevano davvero un buon aspetto con lui indosso. Se non avessi scoperto il Velvet Noir di Marc Jacobs (vedi ultimi most played), avrei ceduto a lui anche se la sua durata non è delle migliori ovvero in autunno/inverno non mi durava fino a sera, non oso immaginare con la calura milanese…

Annunci

2 thoughts on “Exterminate! Maggio&Giugno 2016

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...