Exterminate! Luglio 2016

Siamo più determinate dei Dalek a terminare tutti i prodotti (o quasi) in nostro possesso. Non ce ne sarà per nessuno: da quelli che amiamo a quelli che non vediamo l’ora di buttare, finiranno tutti STERMINATI.

1

SIMO (s)TERMINA

Cura di viso e capelli

P_20160727_160716

La fase di rimozione del makeup è per me uno dei gesti fondamentali per la skincare. Finalmente mi sono decisa a provare i pad rettangolari grandi (al posto dei comuni dischetti) e devo dire che sono stati una rivelazione, infinitamente più comodi e performanti dei dischetti; questi di Shaka sono 100% cotone e si sono comportati davvero molto molto bene. Prodotto invece terminato a fatica e – giuro – totalmente incomprensibile, i dischetti di cotone Cotoneve ad azione antiossidante, presi per curiosità li ho trovati pessimi per rimuovere il trucco (a tratti duri e fastidiosi sulla pelle) e totalmente inutili nella loro funzione antiossidante. Per chi non conoscesse il prodotto, si tratta di dischetti che da un lato sono in cotone e fungono una normale azione struccante mentre dall’altro sono in cotone colorato teoricamente intriso di una qualche sostanza che, a contatto con l’acqua, dovrebbe rilasciare una sorta di tonico. Le istruzioni consigliano di inumidire la parte bianca con un comune struccante, rimuovere il trucco e poi inumidire la parte rosa e passarla sul viso. Ehm…capite anche voi che c’è qualcosa che non va, vero? Infatti, non appena mettete uno qualsiasi struccante sulla parte bianca, questo trapassa e la famosa sostanza della parte rosa vi rimane appiccicata alla dita (sempre che qualcosa ci fosse perché davvero non ho assolutamente capito che cosa e in che misura). Vi dico solo che li ho usati con piacere per togliermi lo smalto. Adieu!

Ed eccoci alla consueta passeggiata con le maschere Montagne Jeunesse , ormai una vera ossessione…condivisa con la socia! Guardate più sotto per rendervene conto 😀 ). Ho parlato in lungo e in largo della Hot Chocolate quindi qui mi limiterò a dire che è probabilmente la mia preferita e che ancora non mi ha stancata. Sempre cioccolatosa ma con una funzione diversa è la Chocolate Mud, forse l’unica maschera a base di argilla (una di quelle che si asciugano) a lasciarmi la pelle effettivamente idratata oltre che molto tonica e luminosa. Altra favorita tra le favorite 🙂
Ho provato anche due peel-off: la Passion Peel Off è tremenda. E’ come farsi un sulfumigi all’alcol. Non mi lacrimavano così tanto gli occhi da quando mi ci finiva dentro il maledetto shampoo “non più lacrime” Johnson da bambina 😀 . Pessima pessima pessima. La Black Seaweed invece non contiene tracce alcoliche – e quindi ci mette un po’ di più ad asciugarsi – ma si porta via tutto quello che c’è da portare via e non fa lacrimare gli occhi. Io voto per questa e sicuramente la riprenderò. Infine, ho provato la novità Pulped Papaya Rescue masque per capelli: una maschera ricca che va applicata su radici e lunghezze, ciononostante sono riuscita a farci tranquillamente due applicazioni con una sola busta. E’ davvero un prodotto ottimo infatt lascia i capelli incredibilmente morbidi e leggeri e, nonostante la si lasci agire anche sulla cute, non tende ad appesantire le radici (ovviamente io non ho capelli grassi o cute particolarmente tendente a ingrassarsi, quindi non posso metterci la mano sul fuoco per chi è diversa da me). La riprenderò di sicuro e credo che proverò anche gli altri prodotti della linea capelli. Per voi, è chiaro 😉

Per la prima volta, alla tenera età di 33 anni, ho provato un nose patch. Ovviamente per festeggiare l’evento ho ceduto a qualcosa di molto chic, ovvero l’Egg Pore Nose Pack di TonyMoly di cui vi avevo già parlato anche nel post precedente. Non ho pietre di paragone, ma dopo aver temuto questi cerotti del demonio per decadi leggendo resoconti dell’orrore in cui nasi irritati e capillari dilatati la facevano da padrone, devo dire che… sto bene. Tutto bene giuro. Pelle del naso levigata e per nulla irritata ma anzi ripulita come non pensavo fosse possibile e i miei piccoli capillari ai lati del naso stanno bene (sempre si vedono dato che ho la pelle trasparente, ma niente di più). Sono salva. TonyMoly è merito tuo 😀

Terminata anche la crema rigenerante viso all’olio di rosa mosqueta di Omnia Botanica, una vecchia amica, sempre valida e con un rapporto qualità/prezzo davvero alto. Per me resta sempre l’opzione migliore quando ho bisogno di un buon idratante ma ho un budget ridotto.

L’olio viso Antiage di Khadi è stata un’altra piacevole scoperta di questo marchio. Dal delicato e rilassante profumo di lavanda, questo olio è perfetto usato come siero pre-crema prima di andare a dormire, ma anche come idratante unico nelle nottate più calde. Si assorbe davvero velocemente e lascia la pelle idratata e morbida. Non so dire molto sul suo potere anti-age tuttavia, dato che al momento sto dormendo sempre almeno 8 ore a notte e sto utilizzando diversi trattamenti assieme. Troppi confounding, ma riprenderò sicuramente questo olietto e magari riuscirò a dirvi qualcosa in più tra qualche mese 🙂

Unico articolo di makeup in questi sterminati: il mascara The Colossal di Maybelline: buon mascara con un buon potere volumizzante e allungante, ma ha davvero poco potere incurvante e fatica a tenere la curvatura se si utilizza un piegaciglia. Inoltre lo scovolino è davvero molto grosso e tende a sporcare la palpebra mobile durante l’applicazione. C’è di meglio.

Detersione e idratazione 

P_20160727_160523

Ho usato il Detergente Delicato di Biofficina Toscana sia come docciaschiuma che come detergente viso. Lo preferisco sicuramente nella sua prima funzione (è anche molto indicato come detergente intimo), ma resta un valido prodotto multiuso, perfetto da portarsi in vacanza e comodo da usare nella routine quotidiana. E’ veramente delicato (il nome non è uno scherzo) e non secca la pelle. Nota aggiuntiva: ha un fantastico profumo che mi ricorda la macchia mediterranea ❤

Da sempre fedele consumatrice di deodorante Dove Go Fresh ho provato volentieri questa versione Pomegranade and Lemon Verbena il cui profumo mi è piaciuto moltissimo (ma questo è soggetivo) e la cui prestazione è comparabile a quella della versione originale. Assolutamente promosso e resta della rotazione insieme al Go Fresh 🙂

Ho acquistato l’acqua micellare ai Frutti Rossi di Biofficina Toscana dopo non poche esitazioni infatti mi sembrava troppo costosa per il quantitativo ma devo dire che in realtà sono davvero molto felice di avervi ceduto. Il prodotto è durato davvero tanto (5 mesi pieni) scongiurando i miei timori e l’ho trovato ottimo come struccante, rimuove bene trucco e mascara senza dover “sfregare” la pelle (cosa fondamentale soprattutto per gli occhi), inoltre è un’acqua ricca di sostanze nutrienti e antiossidanti e agisce da tonico mentre strucca infatti teoricamente si potrebbe non risciacquare. Devo dire che ho provato a non lavarmi il viso dopo averla utilizzata e in effetti non ho sentito la pelle tirare o restare “appiccicosa”, tuttavia preferisco sempre rimuovere lo struccante e procedere ad una pulizia profonda con detergente viso e pad esfoliante. In conclusione, mi è piaciuta davvero molto e sicuramente considererò l’acquisto in futuro.

E veniamo al grande addio. Ho terminato due dei prodotti di Bath and Body Works che mi ero portata a casa dagli Stati Uniti (vi prego amici di B&BW muovetevi ad aprire in Italia…vi supplico!) e su cui avevo scritto un post super commentato. In travel size ho provato una delle fragranze natalizie (questa era una novità per il Natale 2015), ovvero la Jingle All the Way in versione Body Lotion la cui fragranza è molto complessa, con forti dominanti di zucchero e vaniglia miste a note delicate di earl grey. Come lozione corpo è discretamente idratante ma si è rivelata perfetta per il post-doccia mattutino quando si ha davvero poco tempo per lasciar assorbire la crema infatti, una volta applicata, questa si assorbe velocissimamente ed è possibile vestirsi subito. La fragranza in sé non mi ha rapito il cuor, ma visto il packaging delizioso le perdono tutto ❤
Terminato anche il mio vero grande amore, ovvero la Warm Vanilla Sugar in versione ultra shea body cream, una formulazione particolarmente ricca di burro di karitè che la rende molto corposa, alla stregua di un burro corpo con un potere idratante decisamente maggiore e lascia la pelle morbida tutto il giorno. Il profumo poi è qualcosa di straordinario: una combinazione perfetta di zucchero e vaniglia davvero difficile da descrivere. Per chi di voi è appassionata di Yankee Candle posso dirvi che ricorda moltissimo Angels Wings con una punta di Sugared Apple. Devo farne scorta al più presto!

GIUDY (s)TERMINA

Skincare

Processed with VSCO with f2 presetNon so da quanti millenni avessi aperta questa acqua micellare Auchan di cui avevo fatto scorte tempo fa in tempi in cui le acque micellari erano un mito high-cost e questa era l’unica a prezzi abbordabili. Ecco, ora ricordo perchè ad una certa l’avessi abbandonata ovvero è di qualità decisamente inferiore rispetto alla superfamosa Bioderma, alla gemellina economica Garnier e a quelle bio di So’Bio. Non pessima ma nemmeno eccellente, si posiziona nel mezzo al livello “senza infamia né lode” ovvero strucca il viso lasciandolo però in attesa di essere risciacquato e possibilmente di una buona passata di detergente. Ah, ovviamente sognatevi di struccarci gli occhi.

Durante la cura glicolica effettuata in autunno/inverno ho utilizzato il tonico pre-trattamento all’acido glicolico del Dr Taffi che ha una piiiiiiiccola percentuale glicolica al suo interno (tanto che può essere tranquillamente utilizzato anche in estate al contrario delle normali creme glicoliche che vanno sospese nel periodo caldo) e l’ho terminato solo ora. Mi è piaciuto molto, sembra rendere la pelle ricettiva ai trattamento successivi (glicolico o non) ed in più il prodotto dura un’eternità!

Sempre della linea al glicolico del Dr Taffi ho terminato la crema vera e propria con concentrazione glicolico al 12% che ho utilizzato dopo il kit preparativo per circa 2 mesi (dopodiché il restante è andato a combattere i peli incarniti sul corpo 😉 ). Per quanto riguarda questa crema l’ho trovata ottima: ha reso la mia pelle ancora più compatta e priva di imperfezioni anche se non è riuscita a cancellare definitivamente i segnetti di espressione e la famosa macchia sotto l’occhio destro -_- Sulla mia pelle ho avvertito talvolta un leggero pizzicore (particolare proprio del glicolico) ma nulla di fastidioso.

Rimangono poche gocce dell’olio anti-aging di Khadi consigliato dalla socia e che ho utilizzato dall’inverno ad ora mixandolo con la crema notte o spesso anche applicandolo da solo sulla pelle leggermente umida prima di andare a dormire. Che dire? Da ricomprare! La confezione è davvero piccina e comodissima ma soprattutto idrata la pelle senza appesantirla o ungerla, per dire ora ci sono quasi 40 gradi e un’umidità elevatissima ma al mattino trovo che il mio viso sia idratato e disteso e NON unto.

Provato al mare il campioncino di crema solare Bioearth SUN spf 50 (50 oh yes baby!) e devo dire che mi è piaciuto: non mi sono scottata e non ha un effetto unto e pesante sul viso. Da valutare per acquisto in full size come solare estivo.
In città invece mi sono buttata sulla crema solare Alkemilla spf 15 (campioncino) ma, nonostante il basso fattore di protezione, non può decisamente essere utilizzata come crema da tutti i giorni ma indubbiamente ottima come crema solare.

Maschere viso

Come al solito ho terminato diverse maschere monodose Montagne Jeunesse. Ecco una piccola carrellata.
Skin Polisher: anche lei una delle mie preferite, ha un profumo f.a.v.o.l.o.s.o. di budino alla vaniglia, idrata la pelle e compie anche una leggera esfoliazione alla pelle quando la si rimuove. Attenzione solo al fatto che è una di quelle che scatena più reazioni (a me no per fortuna ma mi raccomando testatele prima su una piccola area del vostro viso).
Argan Oil Mud: non mi è piaciuta, è una maschera all’argilla che secca velocemente ed intensamente la pelle senza apportare alcun beneficio. Magari per una pelle fortemente grassa e problematica potrebbe andare ma per la mia, delicata e mista, non ha avuto risvolti positivi.
Hot Chocolate: potrei anche fermarmi qui dato che ormai sono un paio di anni che la cito ad ogni piè sospinto esaltandola come la miglior maschera che pulisca il viso dalle impurità evaH. Provatela e non ve ne pentirete.
Very Berry Mud: penso che Edward di Twilight utilizzasse questa maschera prima di esporsi al sole. Non pulisce, non idrata (non fa neppure il contrario eh) MA lascia brillini e luminescenze sul viso. WTF?!?!?
Creamy Coconut: ne ho addirittura terminate due (ognuna dura davvero tanto, circa 5/6 applicazioni) e mi è piaciuta, ha un ottimo effetto idratante sulla pelle ma non la lucida né scatena una tempesta di imperfezioni. Perfetta da far seguire ad una maschera astringente/depurativa.

Very Berry Mud... very sparkling mud?!?

Very Berry Mud… very sparkling mud?!?

Devo essere onesta: ci ho messo diverso tempo per comprendere la maschera viso antirughe idratante di Nacomi, forse a causa del fatto che è stata la mia prima maschera in polvere da dover mixare con acqua per ottenere un composto abbastanza denso e “colloso”. E’ vero che le dosi sono scritte sul barattolo ma, se le avessi seguite alla lettera, avrei effettuato tipo 2/3 applicazioni massimo (per 12 euro contavo di farne decisamente di più e infatti sono arrivata a circa 6/7). Indi mi sono data alla sperimentazione scoprendo che con poca acqua la maschera si cementava sul viso e grattarla via non era per nulla piacevole mentre con troppa acqua la maschera risultava liquidissima, colava ovunque e sprecavo litri di acqua per sciacquarla. Alla fine ho trovato più o meno la giusta proporzione per questa che in realtà è una maschera peel-off ma comunque non mi ha convinto nei risultati ovvero non ho trovato grandi benefici.

Bodycare

Processed with VSCO with f2 preset

Il deodorante Dove versione Pure ovvero senza profumo, parabeni, coloranti e alcol non mi è dispiaciuto anche se non è riuscito a reggere i giorni più caldi e sudati dell’anno, meglio dunque relegarlo a periodi più freschi e meno puzzolenti.

Avevo sniffato il gel doccia Mediterraneo di Lush mille volte in negozio senza che mi convincesse al 100%, poi una volta provato… l’ammore! Ha un profumo di macchia mediterranea leggermente maschile che mi piace tantissimo, la texture è più liquida e meno cremosa degli altri bagnoschiuma (e infatti temo di averne abusato un po’ troppo terminandolo prematuramente :/ ) ma fa comunque un saaaaaaaaaaaacco di schiuma profumosa. Da ricomprare assolutamente!
Nello stesso mese ho seccato un altro gel doccia Lush ovvero Lord of Misrule, edizione limitata halloweeniana che ho centellinato finora *sic* e che ho amato alla follia: patchouli, pepe nero e vaniglia, un mix dolce ed allo stesso tempo intenso che mi ha deliziata. Vi prego ditemi che lo riproporrete nuovamente!

D’estate i piedi sono esposti giornalmente alla vista di tutti e vanno curati quotidianamente (vedi anche il post tematico), per questo motivo lo scrub naturale per i piedi di Nacomi è stato un ottimo alleato tutte le sere quando sotto la doccia l’ho strofinato insistendo su talloni ed allucione per alleviarne le durezze. Plus: ha un ottimo profumo di tè verde che allieta l’operazione.

Sto raschiando il fondo del bellissimo barattolo contenente il burro corpo Polvere di Rame di Volga Cosmetici di cui ho già parlato più e più volte ma mi ripeto: lo adoro! Una crema corpo compatta che definirei quasi “asciutta”, si stende bene, non appiccica e poi… possiede quel riflesso ramato da sballo! Non crediate di andare in giro sembrando una discoball, la crema dona solo un leggeriiiiiissimo riflesso per nulla invasivo. Voglio provarle tutte #missionedellavita .
Missione che è stata facilitata da Laura dell’e-store Cuccioli D’Uomo che in un ordine mi ha inviato il tester del burro corpo Diamante. Per fortuna/purtroppo essendo un tester non aveva i brillantini diamantini (che avevo però provato ad una fiera e mi erano sembrati fin troppo granulosi quasi a dare un effetto scrub) ma posso dirvi che la consistenza della crema è la stessa delle altre ed il profumo è quanto di più estivo possibile ovvero sa di cocco, ma un cocco piacevole eh!, non da arbre magique!

Vi faccio un rapido riassunto dell’olio solido scrub Cocco&Vaniglia de Il Calderone di Gaia: comodissimo, efficientissimo e profumatissimo. Per i dettagli c’è il post dedicato 😉

Sono stata attirata dallo scrub corpo Provence Lemongrass di Organic Shop dal prezzo mini (poco meno di 3 euro! :O ) ma devo dire che l’ho trovato un buon prodotto: ha infatti un buon potere scrubbante e un forte profumo di limoni freschi che in questo caldo periodo è stato ancora più gradito del solito. Un paio di note: il costo così basso è anche dato da contenitori molto minimal (alla prima caduta in doccia mi si è completamente distrutto) e da principi attivi basici indi sappiate ciò che acquistate 😉 .

La crema piedi/talloni al timo di rosso di Maternatura non mi è piaciuta da subito: troppo leggera, poco nutriente ed idratante. L’ho provata e riprovata ma nulla, sui miei piedi non sembrava manco l’avessi applicata anche se ne mettevo diversi strati. L’ho così riciclata a crema corpo (strano, normalmente capita l’esatto opposto ovvero che una crema corpo che non piace venga passata alle parti terrene) e devo dire che non l’ho trovata male: leggera, si assorbe velocemente e ha un effetto frescura dovuto al mentolo (che però per esempio usando sui piedi non avvertivo per nulla).

Ho afferrato la crema mani Pulpe de Vie senza troppe informazioni ma mi aspettavo da lei soprattutto una cosa: doveva avere un profumo di frutti rossi molto (molto!) forte, deduzione questa che avevo avuto sia dal fatto che è racchiusa in una confezione rosa lampone che dalla dicitura “100% frutta fresca”. E invece profuma di mandorla. Buono il profumo non discuto, ma sicuramente non quello che ci si aspetta. Per quanto riguarda la texture poi è un no: davvero liquidissima tanto che bisogna stare attenti non scivoli dalle mani ai vestiti #truestory. Idratante ma non troppo, per me è sicuramente un mai più.

Non di sole creme vive la donna, ho infatti terminato anche l’olio della dea alla Lavanda de Il Calderone di Gaia che utilizzo normalmente dopo un bel bagno caldo per idratare il corpo ancora umido. Ma non si è rivelato utile solo per quello scopo, l’ho utilizzato infatti con soddisfazione anche su capelli e viso, il tutto aiutato da questo profumo di lavanda davvero magico ed evocativo. Per saperne di più, ne avevo parlato nel post dedicato interamente a tutti i prodotti e profumi de Il Calderone di Gaia.

Posso anche non avere in casa il bagnoschiuma (poco male, si utilizza lo shampoo) ma il tea tree oil non può mai mancare: elimina brufoli ed imperfezioni, lo utilizzo per l’igiene intima, è ideale su punture e scottature. Insomma, un olio multiuso da ricomprare appena termina.

Il profumo e l’aspetto del latte di venere Dolcevaniglia di Emporio Natura (campioncino) ricordano decisamente una crema per dolci che va spalmata su una torta anzichè sul corpo 😀 . Il profumo è davvero delizioso e rimane a lungo sul corpo lasciando con esso anche una piacevole sensazione di morbidezza. La texture è liquidissima ed infatti in full size viene venduta in una pratica confezione con lo spray. Mi piacerebbe moltissimo acquistarla in versione normale anche se mi frena molto il prezzo ovvero poco meno di 20 euro per 250 ml di prodotto.

Non so perchè ma utilizzo in quantità maggiore bombe e spumanti Lush nel periodo invernale più che nel periodo estivo. Detto ciò, ecco quelle con cui mi sono crogiolata questo mese:

2016-07-22 22.20.52

Un po’ di delusione c’è ripensando allo spumante da bagno Flowering Tea: esteticamente adorabile (una maxi bustona di tè contenente dei petali di fiordaliso blu) ma poco spumoso e ben poco profumoso. Provaci ancora Lush, con la stessa formina però!

La bomba da bagno Lava Lamp mi ha colpita subito per l’aspetto psichedelico anni 70 e, nonostante preferisca gli spumanti alle bombe, ho deciso di provarla: il profumo vira decisamente verso note agrumate intense dove predomina fortemente l’arancia, tinge l’acqua di un arancione intenso a pois viola infatti le “pasticche” di burro di cacao viola si sciolgono più lentamente e lasciano i bordi della vasca viola… not so cool

Makeup

Processed with VSCO with f2 preset

Addio allo smalto #243 di Kiko, un prugna meravigliossssso, che ormai è colla pura. Spero di trovare un degno sostituto, magari che duri sulle unghie più di due giorni…

Per fortuna era una minitaglia questa bb cream REN perchè, nonostante la marca super testata ed amata, si è rivelata un vero buco nell’acqua infatti, se il fatto avesse un colore unico mi aveva destato non pochi punti interrogativi (in realtà colora pochissimo indi si adatta facilmente 😀 ), non consideravo il fatto che la sua texture sarebbe stata così idratante e pesante da rendere il viso una maschera lucida nonostante cipria e veline.  Bocciata.

Dischetti struccanti di cotone Esselunga: i meglio, quelli che ricompro SEMPRE, non sono solo morbidi ma sono cuciti benissimo ed il cotone non si disfa mentre vi state struccando.

Annunci

5 thoughts on “Exterminate! Luglio 2016

    • ahahahaha no io mi metto di impegno e generalmente cerco di finire un prodotto (soprattutto quando parliamo di bagnoschiuma, creme, shampoo) prima di iniziarne un altro 😉 Per il makeup… non sono così brava 😀
      *Giudy*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...